FORGOT YOUR DETAILS?

Dotwords sponsor di Network Society World Congress

by / venerdì, 09 ottobre 2015 / Published in Comunicati Stampa

Milano, 9 ottobre 2015 – Dotwords, Language Service Provider che sviluppa soluzioni informatiche cloud-based per la gestione di traduzioni e localizzazioni da e verso qualsiasi lingua, promuove e sponsorizza il Network Society World Congress, giovedì 15 ottobre a Torino, all’Innovation Centre, presso il nuovo grattacielo disegnato da Renzo Piano per Intesa Sanpaolo.

Si tratta del primo congresso mondiale che riunisce imprenditori, innovatori, accademici “esperti del cambiamento” provenienti dai cinque continenti, chiamati dall’organizzazione no profit Network Society Research, fondata nel 2014 da David Orban, imprenditore, innovatore, advisor della celebre Singularity University.

Con 27 ambasciatori da 25 nazioni, Network Society è un movimento che analizza come l’accelerazione esponenziale delle nuove tecnologie – auto robotiche, coltivazioni idroponiche, criptomonete, device per il monitoraggio dello stato di salute, e molto altro ancora – sta cambiando l’organizzazione socio-economica globale: la nuova direzione va verso un modello decentrato e distribuito, più simile a una rete piuttosto che alle tradizionali strutture gerarchiche dell’attuale Stato Nazione e delle classiche organizzazioni aziendali. Per l’Italia sarà presente Stefano Quintarelli con il key note speech “Le sfide della legislazione esponenziale”.

Dotwords condivide i valori e la visione di Network Society Project” – afferma Gabriella Soldadino, CEO di Dotwords –. “Fa parte del nostro DNA analizzare gli scenari futuri e confrontarci con le realtà più innovative per perseguire un obiettivo ambizioso: creare una cultura della localizzazione e del multilinguismo presso le organizzazioni che operano in un contesto globale e portare avanti la nostra visione di un futuro multilinguistico, aperto, condiviso”.

Dotwords – operativa da inizio 2015 e subito riconosciuta “start up innovativa” dalla Camera di commercio di Milano – nasce dall’idea e dall’esperienza internazionale di Gabriella Soldadino, che ritiene il settore linguistico in Italia legato a metodi ancora molto tradizionali. Decide così di importare dal mondo nordamericano e nordeuropeo l’uso di tecnologie che uniscano la migliore qualità del servizio a forti efficienze economiche.
Con un modello di business basato sull’Open Innovation, nel mercato nazionale dei Language Service Provider, Dotwords è l’unico player che mette le tecnologie più sofisticate e le banche dati personalizzate (memorie, glossari e dizionari) a disposizione delle organizzazioni con cui opera.

 

TOP